“Il denaro viene utilizzato in modo efficace”: 5 domande a Bernd Nilles sull‘Iniziativa

02.11.2020
bernd nilles porträtBernd Nilles, Geschäftsleiter von Fastenopfer.

Ritorna più volte la domanda di come Sacrificio Quaresimale cofinanzi l'Iniziativa per multinazionali responsabili. Bernd Nilles risponde alle domande più insistenti.

La discussione nella campagna per l’Iniziativa per multinazionali responsabili si sta attualmente spostando su aspetti a margine. Ad esempio, si sta discutendo il finanziamento. Ci sono anche critiche sul fatto che le organizzazioni umanitarie utilizzino i fondi per il lobbismo politico, è così?

È molto deplorevole che la lobby delle multinazionali sia riuscita a distogliere l’attenzione dalla questione reale: la migliore protezione possibile dei diritti umani e dell’ambiente. Allo stesso tempo, è positivo che i tanti donatori che ci supportano in modo specifico nel nostro impegno per la responsabilità d’impresa possano leggere sui giornali che il loro denaro viene utilizzato in modo efficace. Negli ultimi giorni in particolare, le donazioni per l’Iniziativa per multinazionali responsabili sono nuovamente aumentate. Molti dei nostri donatori sembrano essere consapevoli che è difficile farsi valere contro le società più potenti del mondo, molte delle quali hanno sede in Svizzera.

Perché Sacrificio Quaresimale è impegnata nell’Iniziativa per multinazionali responsabili?

Per decenni siamo stati testimoni attraverso i nostri partner di progetto di violazioni dei diritti umani e danni ambientali causati in Africa, Asia e America Latina. Questi portano alla povertà e alla sofferenza, ed è uno dei nostri compiti principali è di fare qualcosa al riguardo. All’inizio abbiamo cercato un dialogo con la Confederazione e le aziende, ma questo ha portato solo a misure volontarie. Nel 2012 il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e Sacrificio Quaresimale ha aumentato il proprio impegno. Nel 2013 è stato pubblicato il primo rapporto sulla miniera pianificata a Tampakan (Filippine) e il conseguente sfollamento delle popolazioni indigene. Poi, nel 2016, abbiamo presentato l’Iniziativa per multinazionali responsabili insieme a tante altre organizzazioni.

In che modo Sacrificio Quaresimale finanzia il suo impegno?

Ogni anno raccogliamo circa 15 milioni di franchi in donazioni. Le persone donano per progetti che riducono la povertà, per la ricerca e il lavoro tecnico sulle cause della povertà, per il lavoro educativo e anche per le campagne. Dal 2016 spendiamo in media 50.000 franchi all’anno in quote associative e finanziamo la campagna per l’Iniziativa per multinazionali responsabili. Quest’ultima voce è meno dello 0,3 percento del nostro budget. Allo stesso tempo, con l’aiuto della Direzione dello sviluppo e della cooperazione, stiamo finanziando programmi di riduzione della povertà in Africa, Asia e America Latina, nonché azioni di sensibilizzazione per un importo di sei milioni di franchi.

Sacrificio Quaresimale ha bisogno dei fondi della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) per finanziare l’iniziativa per multinazionali responsabili?

No. I fondi della DSC non possono essere utilizzati per lobbismo politico in Svizzera. Ci atteniamo a questo. Abbiamo abbastanza donazioni per il nostro impegno politico.

Perché l’elettorato svizzero dovrebbe votare per l’Iniziativa per multinazionali responsabili il 29 novembre?

In modo da lasciare ai nostri figli un mondo in cui vale la pena vivere, in cui le persone hanno diritti e l’ambiente è intatto – in tutto il mondo! In questo modo la nostra prosperità non si genera a spese degli altri.