Materie prime e diritti umani

Le materie prime sono il motore dell’attuale modello economico: carbone per l’elettricità, palma da olio per l’industria alimentare, coltan per i telefonini, rame per le automobili, diesel per i voli in aereo. Lo sfruttamento delle risorse naturali avviene sempre più velocemente e a discapito delle popolazioni locali che sono letteralmente saccheggiate.

La relazione tra produzione di materie prime e Diritti umani è conflittuale. Spesso infatti ci sono intere comunità di persone che sono private della loro terra a causa dell’estrazione di oro, rame o carbone. Come per esempio in Burkina Faso dove  l’apertura di tre miniere d’oro è stata all’origine dello sfratto dalle loro case di 14 000 persone. Esse hanno perso tutto: i campi che coltivavano, i pascoli delle bestie, le fonti d’acqua.

Le comunità sono raramente coinvolte nelle decisioni sui grandi progetti, malgrado il fatto che li concernono da vicino. Infatti sono loro a subire conseguenze negative sul piano sociale, ambientale ed economico. In particolare le donne: essendo responsabilità della cura dei figli e del buon funzionamento domestico, dipendono fortemente dall’accesso all’acqua, alla legna da ardere e agli orti. 

Richiamare all’ordine governi e imprese

Sacrificio Quaresimale promuove un modello economico più equo. Mettiamo in risalto le esigenze delle comunità locali e sosteniamo le organizzazioni della società civile che non indietreggiano di fronte alla distruzione delle basi vitali e affrontano le imprese internazionali attive nel settore delle materie prime.

Con organizzazioni locali della società civile, Sacrificio Quaresimale aiuta donne e uomini organizzati in comunità a far valere i loro diritti. Siamo del parere che imprese e governi debbano assumersi le loro responsabilità per ciò che avviene alle persone e all’ambiente. In Svizzera e a livello internazionale difendiamo i Diritti umani e assumiamo un ruolo attivo in iniziative volte a sviluppare soluzioni sostenibili.

Gravi lacune nel controllo dei metalli preziosi

Il rapporto del Controllo federale delle finanze (CDF) pubblicato lunedì 22 giugno 2020 sottolinea ancora una volta «le lacune dell’attuale quadro di vigilanza» per i metalli preziosi in Svizzera. In quanto principale polo aurifero del mondo, la Svizzera deve assumersi le proprie responsabilità e lottare contro il commercio di metalli preziosi prodotti in violazione dei diritti umani. È quanto esige una coalizione di organizzazioni, di cui fa parte Sacrificio Quaresimale.

Leggere il comunicato stampa (in francese)

A “Manno Film Mondo” proiettori puntati sulla Repubblica Democratica del Congo

23.02.2018

Un ricco programma attende gli spettatori: dalle pellicole in prima visione ticinese, alla tavola rotonda con ospiti d’eccezione fra cui Dick Marty, fino alla musica e al cibo tipico. Da n…

Approvato un controprogetto alibi che non avrà conseguenze

18.12.2019

Con la decisione odierna, la maggioranza del Consiglio degli Stati adotta un ruolo protettivo nei confronti delle grandi multinazionali senza scrupoli.

Glencore-Mine in Peru vergiftet Wasser, Böden und Luft

Scandalo: miniera di Glencore avvelena bambini con metalli pesanti

25.11.2019

A Cerro de Pasco, in Perù, una miniera gigantesca di Glencore ha creato una voragine nel centro della città. Il suolo, l’acqua e l’aria sono fortemente in…

Agisca con noi in difesa dei diritti umani.

François Mercier

Programmi internazionali
Materie prime e Diritti umani
41 41 227 59 79
mercier@fastenopfer.ch

In Defence of Life (A difesa della vita)

Il documentario (in inglese) mostra gli sforzi e i successi di quattro comunità che si sono ribellate contro giganteschi progetti minerari in Colombia, nelle Filippine, in Sudafrica e in Romania.

Studi relativi a Materie prime e Diritti umani

Sintesi