Il 29 novembre: SÌ all'Iniziativa per multinazionali responsabili

Business globale - Responsabilità globale

Home / Creare economie sostenibili / Iniziativa per multinazionali responsabili

News

L'iniziativa non passa, ma l'impegno per i diritti di tutti continua

29.11.2020

Sacrificio Quaresimale e Pane per tutti sono rammaricati del fatto che l’Iniziativa per multinazionali responsabili non abbia superato lo scoglio delle urne per il no dei Cantoni. L'accett…

Soeur Nathalie Kangaji

Un’opportunità per un’economia più giusta

17.11.2020

Abbiamo chiesto a suor Nathalie Kangaji, avvocata nella città mineraria di Kolwezi nella Repubblica Democratica del Congo, perché l'Iniziativa per multinazion…

Portrait Bernd Nilles

“Il denaro viene utilizzato in modo efficace”: 5 domande a Bernd Nilles sull‘Iniziativa

02.11.2020

Come finanzia Sacrificio Quaresimale l'Iniziativa per multinazionali responsabili. Bernd Nilles risponde alle domande più insistenti.

Logo Kirche für Konzernverantwortung

La voce della Chiesa per la responsabilità delle imprese

Una piattaforma (in lingua tedesca e francese) in cui individui, comunità e organizzazioni della Chiesa possono esprimere pubblicamente il loro sostegno all’Iniziativa per multinazionali responsabili. 

Il sito web è stato lanciato da Verein Kirche  Wirtschaft  Ethik e rende visibile il sostegno da parte della Chiesa all’Iniziativa: www.kirchefuerkonzernverantwortung.ch

Una famiglia davanti alle rovine della loro casa, distrutta dai lavori di scavo di una miniera in Burkina Faso. Sullo sfondo i cumuli di materiale estratto. Foto: Sacrificio Quaresimale/Meinrad Schade

Di che si tratta

Richiamare le imprese alle loro responsabilità

Le imprese con sede in Svizzera violano ripetutamente i diritti umani all’estero e ignorano gli standard ambientali minimi. L’Iniziativa per multinazionali responsabili mira a porre fine agli abusi.  

L’Iniziativa per multinazionali è sostenuta da Sacrificio Quaresimale nell’ambito di un’ampia coalizione di oltre 110 organizzazioni. Chiede alle imprese di valutare in modo vincolante se i diritti umani e le norme di protezione ambientale vengono violati nelle loro attività all’estero. In tal caso, devono adottare misure adeguate. Se un’impresa non agisce e si verifica un grave danno, dovrebbe poter essere ritenuta responsabile in tribunale.

Argomentario

  • 1

    Anche imprese come Glencore e LafargeHolcim devono rispettare i diritti umani e gli standard ambientali

    Le infrazioni verificatesi nella Repubblica Democratica del Congo, in Uganda e in Liberia sono solo la punta dell’iceberg. L’Iniziativa per multinazionali responsabili è necessaria affinché le imprese svizzere non sfruttino più le bambine e i bambini quale forza lavoro a basso costo, né danneggino l’ambiente.
  • 2

    Chi sfrutta il lavoro minorile o danneggia l’ambiente deve assumersi le sue responsabilità

    Affinché anche le multinazionali poco scrupolose rispettino i diritti umani e gli standard ambientali riconosciuti su scala globale, le infrazioni devono avere delle conseguenze. Perciò, in futuro, le multinazionali dovranno rispondere delle violazioni dei diritti umani e dei danni ambientali nei quali sono implicate.
  • 3

    Prevenire è molto meglio che causare danni irreversibili

    Corsi d’acqua inquinati, problemi di salute incurabili, risorse vitali distrutte: molte conseguenze delle attività economiche irresponsabili sono irreversibili. Ecco perché l’Iniziativa per multinazionali responsabili punta sulla prevenzione.
  • 4

    Chi è attivo su scala globale deve assumersi le sue responsabilità

    Oggi le imprese svizzere possono produrre in paesi con governi deboli, traendone profitti esorbitanti. Le infrazioni alla legge spesso non hanno nessuna conseguenza, e portano all’oppressione e allo sfruttamento della popolazione locale e dell’ambiente. Noi siamo assolutamente convinti del fatto che anche l’economia globalizzata debba assumersi le sue responsabilità.